Chi semina vento raccoglie profitti (in Danimarca)

In occasione della presentazione de “Il sole, le ali e la civetta” che si terrà oggi a Campobasso, in Molise, abbiamo chiesto a Giorgio Demurtas, ingegnere che vive e lavora in Danimarca, perchè,  “quando soffia il vento, i portafogli dei danesi si gonfiano”. Ci ha raccontato come i cittadini vivono l’eolico e quali sono i benefici in quel paese, sia a livello ambientale che economico.

L'impianto eolico "Middelgrunden" realizzato nel 2000, a 3 km difronte a Copenaghen, è composto da 20 turbine da 2 MW installate in mare, la cui proprietà è divisa 50% alla società elettrica nazionale (Dong Energy) e 50% alla cooperativa composta da diecimila cittadini di Copenaghen.

L’impianto eolico “Middelgrunden” realizzato nel 2000, a 3 km difronte a Copenaghen, è composto da 20 turbine da 2 MW installate in mare, la cui proprietà è divisa 50% alla società elettrica nazionale (Dong Energy) e 50% alla cooperativa composta da diecimila cittadini di Copenaghen.

Giorgio Demurtas è un giovane ingegnere italiano esperto in elettronica di potenza e tecnologie per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Diplomato in Elettrotecnica e Automazione presso l’ITIS G. Marconi di Cagliari, ha conseguito la laurea in Ingegneria elettrica presso l’Università di Cagliari nel 2009 e, nel 2012, il Master of Science in Wind Energy presso la Technical University of Denmark. Ha lavorato alla progettazione e installazione di impianti fotovoltaici in Sardegna e alla progettazione di impianti eolici presso Alstom a Barcellona. Lavora attualmente nel gruppo “Test e Misure” di DTU Wind Energy (RISØ), centro di ricerca leader mondiale nel settore dell’energia eolica.

Serra fotovoltaica da record in Sardegna: noi a zappare terra per indiani e americani. Ingegner Demurtas, questo il titolo di un suo post su Ediltecnico.it, ma anche in Puglia, in Molise, in Sicilia, in Campania e in altre regioni d’Italia, il vento e il sole italiano sono finiti a chi dei nostri soldi (e delle nostre risorse) non ne aveva certo bisogno. Perché in Italia nessuno sembra voler tutelare gli interessi economici dei cittadini, soprattutto nel Sud e nelle isole?

In Italia purtroppo sembra disonorevole e sbagliato che un cittadino qualunque possa guadagnare  (nota, guadagnare, non risparmiare) grazie allo sfruttamento delle risorse energetiche naturali locali.Per eempio, una turbina eolica da 1 MW, 60 metri di diametro, del costo di 1,5 milioni di euro, acquistata in cooperativa di 100 persone ha un costo equiparabile a quello di un automobile (15 mila euro) e renderebbe a ciascuno ben 2500 € all’anno, per 25 anni. Questo é un ottimo investimento perché si ripaga in appena 6 anni. Spesso le amministrazioni locali “svendono” i siti piú ventosi a societá private, talvolta straniere, in cambio di posti di lavoro poco qualificati e quindi mal retribuiti, senza pensare che realizzando l’impianto direttamente si potrebbe guadagnare molto di piú, e senza nemmeno lavorare.

Allo stesso momento l’amministrazione pubblica locale, con l’idea di tutelare il paesaggio, cerca di ostacolare le numerose richieste di autorizzazione imponendo un procedimento autorizzativo lungo, incerto e complicato. Difronte a tale ostacolo le piccole e medie imprese, e le eventuali cooperative di cittadini interessati a installare delle turbine eoliche si arrendono, mentre le grandi imprese, che hanno risorse e spalle larghe a sufficienza per affrontare tali procedimenti autorizzativi, riescono a fare gli impianti.

Il vento è una risorsa comune ma in Italia ciò che appartiene a tutti alla fine finisce di non essere di nessuno. Lei vive e lavora in Danimarca, la patria dell’eolico. Come funziona e quali sono i benefici per la collettività?

In Danimarca 150 mila famiglie e piccole cooperative locali sono proprietarie di turbine eoliche, spesso in multiproprietà, e guadagnano dal vento. Partecipare all’investimento per un impianto eolico è molto semplice grazie a una normativa nazionale che impone a chi sviluppa un nuovo impianto di metterne in vendita il 20% verso i residenti nel raggio di 5 km, o stesso comune. Questo ha portato i danesi ad avere una opinione positiva nei riguardi della turbine eoliche, che vengono considerate belle non solo dal punto di vista funzionale (energia pulita) ma anche dal punto di vista estetico. I danesi sorridono quando si alza il vento, perchè, si dice, il fruscio gli ricorda quello dei soldi che arrivano sul conto corrente.

 E in al tri paesi europei?

La comproprietà di un impianto eolico è molto comune in tanti alti paesi quali Germania, Olanda, Inghilterra, Australia, Canada e USA. I grandi nomi dell’industria eolica europea hanno sede in Danimarca, Germania, Spagna e Francia.

In Italia hanno prevalso i grandi parchi eolici sopra il megawatt anche in zone dove di energia elettrica se ne produce in abbondanza. Ad esempio il Molise, dove sono stati installati 379 MW (Fonte: Comuni Rinnovabili 2013 di Legambiente) e che, con le altri rinnovabili e le fonti fossili, produce il 72% dell’energia di cui ha bisogno. Sei grandi società che hanno installato 250 turbine eoliche in un territorio di soli 4500 chilometri quadrati, peraltro unico dal punto di vista archeologico e paesaggistico. Tecnicamente, al di là degli obiettivi comunitari 20/20/20, ha senso un’alta densità di aerogeneratori in un territorio così piccolo?

Non conosco la situazione specifica del Molise, ma sono sicuro che una accurata progettazione degli impianti eolici può tutelare e valorizzare il paesaggio. In Italia la risorsa eolica e solare è concentrata al Sud, pertanto installare turbine eoliche al nord è un investimento peggiore, visto che a parità di energia prodotta occorrerà installare un impianto con più turbine, cioè di maggiore impatto paesaggistico e costo. In generale, per la tutela del paesaggio e buoni risultati economici bisogna installare poche grandi turbine dove c’è molto vento (non tante piccole turbine poco efficienti e basse dove c’é poco vento!). La potenza specifica installata in Molise é la metá (0,08 MW/km²) di quella in Danimarca (0.17 MW/km²). Sono sicuro che se almeno il 20% degli impianti in Molise fosse stato offerto ad alcune decine di migliaia di residenti locali come azionariato diffuso, come avviene in Danimarca, l’opinione pubblica sarebbe stata ben piú positiva nei riguardi dell’eolico. Che male c’é ad essere proprietari di una turbina eolica nella propria regione ed esportare l’energia verso altre regioni? La Valle d’Aosta ha sempre prodotto da idroelettrico il doppio-triplo di quello che consuma!

Quanta occupazione stabile può creare un parco eolico. Guardando sempre alla virtuosa Danimarca, come stanno le cose?

L’impianto eolico in sè non determina occupazione perché funziona in modo automatico. Localmente occorre appena un diplomato ogni 3-4 turbine (9 MW), per gli interventi di manutenzione più semplici. I tecnici specializzati vengono inviati dalla casa madre per brevi periodi solo in occasione del montaggio, che richiede appena 3 giorni per una turbina da 3 MW (del peso di 300-400 tonnellate, che produce energia per seimila famiglie).

In Danimarca l’eolico è un successo sia perché i danesi sono in parte proprietari delle turbine, sia perché le fabbriche dei principali costruttori Europei si trovano in Danimarca. Ho visitato l’estate scorsa la fabbrica del colosso tedesco Siemens Wind Power, a Brande in Danimarca, 3500 dipendenti diretti, dove producono una turbina eolica ogni sei ore, 365 giorni l’anno.

La differenza fra Italia e Danimarca mi era subito chiara quanto ho visto la banchina del porto di Esbjerg (costa ovest della Danimarca) con centinaia di parti di turbine Siemens, nuove, pronte a essere esportate, mentre nei porti italiani vedo generalmente container carichi di merci importate.

In Italia i ristori ambientali consentono ai comuni una trattativa diretta tra amministratori e società eoliche, cosa ne pensa?

La trattativa diretta in merito all’autorizzazione lascia spazio alla corruzione ed è attualmente vietata. Quando l’impianto sorge su terreni comunali o demaniali, l’amministrazione pubblica ha l’opportunità di trattare le condizioni di affitto dei terreni, ma meglio sarebbe imporre che una parte dell’impianto, 20% per esempio, venga venduto a una cooperativa di cittadini. Generalmente il principale proprietario dell’impianto è d’accordo perchè questo non cambia il rendimento dell’investimento, riduce l’ostruzionismo della popolazione locale e riduce i tempi per ottenere le autorizzazioni. In sostanza, vincono tutti.

Purtroppo, questa coscienza, non è diffusa fra gli amministratori locali. Per esempio a Buddusò, un paesino di 4088 abitanti situato al centro della Sardegna, su un altopiano dalle ottime caratteristiche di ventosità sorge l’impianto eolico più grande d’Europa, 138 MW, realizzato da una multinazionale europea con turbine “Made in Germany”. Che invidia, quanto mi piacerebbe investire i miei risparmi per acquistare una quota di quelle turbine e cosí guadagnare dal vento sardo. Attualmente alla popolazione e all’amministrazione locale resta pochissimo rispetto a quello che avrebbero potuto guadagnare. E’ un pò come aver regalato il pozzo petrolifero in cambio di venir pagati per fargli da guardiano mentre gli altri lo sfruttano e diventano ricchi.

Quale dovrebbe essere il ruolo delle Istituzioni, peraltro alla luce della sua esperienza danese?

In merito alla collocazione degli impianti eolici, lo Stato dovrebbe dettare regole precise evitando di lasciar queste decisioni alle regioni. Trovo ingiusto che in alcune regioni il procedimenti autorizzativi siano molto piú semplici, o piú difficili, che in altre. Vogliamo essere una nazione unica o no?

Lo sfruttamento dell’energia solare ed eolica è una attività libera, non soggetta ad autorizzazione (ciò che richiede l’autorizzazione è l’impianto, non l’utilizzo del vento o del Sole).

Mentre l’energia solare è distribuita in modo abbastanza uniforme, il vento risente fortemente dell’orografia del terreno, pertanto ci sono dei siti molto più ventosi (convenienti) di altri, ed è giusto che vengano assegnati, almeno in parte, con criteri di interesse generale, invece di lasciarli sfruttare alla prima impresa che si fa avanti. Per questo motivo é importantissimo regolamentare la proprietà di un impianto eolico, per esempio imponendo, sopra una certa potenza, 2-3 MW, di offrire una quota dell’impianto in vendita per azionariato diffuso locale.

La Danimarca è uno dei principali costruttori al mondo di turbine eoliche.

Lo stato danese ha aiutato la nascita dell’industria eolica danese fin dagli anni ’80, quando il centro di ricerca nel quale lavoro, RISØ, fu incaricato di sviluppare i disegni tecnici di turbine di 10-30 kW da fornire gratuitamente agli artigiani che volessero cimentarsi nella produzione di turbine eoliche. Con il supporto scientifico gratuito di RISØ, alla fine degli anni ’80 si arrivò a costruire turbine da 500 kW, che vennero poi esportate massivamente verso gli USA intorno al 1990. Nello stesso tempo lo stato finanziava le famiglie danesi con il 30% del costo dell’acquisto della turbina, e l’energia era remunerata a prezzo di mercato.

Le maestranze che si cimentavano in tale costruzione erano perlopiù fabbri e meccanici. Una di queste officine, la Vestas, che originariamente costruiva trattori, é ora il più grande produttore al mondo di turbine eoliche (13% del mercato mondiale nel 2011, e 50 GW installati).

In quel periodo anche in Italia l’Enel, la Fiat e la Riva Calzoni si cimentavano nella costruzione di turbine eoliche, ma evidentemente lo stato italiano non é stato lungimirante quanto quello danese, e il risultato é che adesso, in Italia, sostanzialmente non esistono costruttori di turbine eoliche.

E pensare che la Danimarca, leader mondiale della tecnologia eolica, è grande appena quanto Sardegna e Sicilia messe insieme!

Quali sono i miti da sfatare quando si parla di eolico?

Alcuni ambientalisti e politici sostengono che le turbine eoliche abbiano un impatto paesaggistico troppo elevato. La sentenza n.150/2005 del TAR di Sicilia recita: “La tutela del paesaggio non è l’unica costituzionalmente rilevante; pari considerazione rivestono la tutela dell’ambiente e la tutela della salute.” Esistono precisi accordi (ANEV-Legambiente) atti a ridurre, evitare o mitigare gli impatti negativi: rispetto della distanza minima tra gli aerogeneratori, limitazione della realizzazione di nuove strade, interramento dei cavi elettrici di media e bassa tensione, riduzione dell’effetto “selva”, utilizzo di soluzioni cromatiche neutre e vernici antiriflettenti, ecc. ecc.

Uso del territorio: L’eolico non ruba spazio al territorio, dove potranno continuare a pascolare gli animali, infatti un generatore eolico della potenza di 1 MW, occupa al suolo una fondazione di appena 10 m di lato, che viene poi ricoperta di terra in modo che possa ricrescere l’erba.

Rumore: Ho visto di persona tanti parchi eolici e ho osservato che il rumore più importante è imputabile al rumore di fondo (prodotto dal vento sui cespugli e sugli alberi). Tanto maggiore è l’intensità del vento, tanto più il rumore emesso dall’aerogeneratore è mascherato dal rumore di fondo. Il rumore dell’aerogeneratore (principalmente dovuto dall’attrito dell’aria con le pale) misurato a 150 metri di distanza è di 43.5 dB. Giusto per avere un’idea: i rumori che si sentono a tavola durante il pranzo sono 50-60 dB, i rumori all’interno di un automobile 80 dB, un martello pneumatico 120-130 dB.

Fauna: L’impatto sulla fauna, da uno studio autorevole (Wallace P. Erickson, USA) sulle cause di morte accidentale degli uccelli rileva che il 58% è dovuto a superfici vetrate degli edifici, 10,6% ai gatti, 8,5% automobili e appena 0,01% è dovuto a turbine eoliche.

Ad esempio Ikea ha deciso di sostituire delle vecchie turbine con una di nuova generazione, molto più efficiente. Perché  in Italia si è sempre pensato ad installare centinaia di turbine eoliche senza guardare all’innovazione e all’efficienza energetica?

Molti ritengono che per limitare l’impatto paesaggistico occorra installare turbine eoliche piccole: niente di piú sbagliato! Mentre il fotovoltaico si presta bene per qualsiasi taglia di potenza, da pochi chilowatt a migliaia di chilowatt, lo stesso non vale per le turbine eoliche. Turbine piccole (sotto i 100-200 kW) sono più costose in relazione all’energia che producono, hanno un impatto paesaggistico più elevato per via del maggior numero necessario a parità di energia prodotta, sono più rumorose perché costrette a ruotare più velocemente per questioni aerodinamiche.

Per esempio, cinque turbine da 160 kW (15 metri di diametro e torre da 22 metri di altezza), producono solo un quinto dell’energia rispetto a una unica turbina di potenza pari alla somma delle cinque turbine (800 kW, 50 metri di diametro e torre da 55 metri). Al fine di poter essere offerte a un prezzo accettabile, turbine sotto i 30 kW rinunciano spesso (sempre se sotto i 4-5 kW) a sistemi di sicurezza adeguati e sono quindi pericolose. In Danimarca negli anni ’80 molte famiglie o cooperative di agricoltori avevano una (o piú) turbine da 100-200 kW, quindi non ha senso, nel 2013, installare turbine piccole. Turbine moderne da 1-2 MW, in comproprietà, sono meglio sotto tutti gli aspetti.

Come vede il futuro delle energie alternative in Italia, in particolare l’eolico, non tanto da ingegnere quanto da sardo, legato alla sua terra?

L’Italia, purtroppo, è in una situazione di estremo ritardo nel campo delle energie rinnovabili in generale (siamo il paese del sole, è vero, ma purtroppo solo per i turisti!) e dell’eolico in particolare.

In Italia ci vuole più programmazione nazionale del sistema energetico complessivo, anche cercando di impostare dei meccanismi incentivanti che privilegino l’utilizzo di prodotti made in Italy. In breve, si potrebbe cominciare immediatamente copiando l’attuale normativa danese (disponibile qua: http://www.ingdemurtas.it/eolico/normativa-danimarca/) Il sole e il vento dell’Italia meridionale si prestano perfettamente per dimostrare che si può rinunciare completamente ai prodotti petroliferi. Puó essere il punto di partenza per una storia di successo industriale, simile a quella danese degli ultimi 30 anni.

L’obiettivo danese é entusiasmante: 100% dell’energia da fonti rinnovabili al 2050 in tutti i settori (elettricitá, riscaldamento e trasporti). L’obiettivo del Governo italiano non mi é chiaro, quindi per ora me ne resto in Danimarca a lavorare per le tecnologie del futuro (a meno che mi chiamino come ministro italiano dell’energia).

Le alluvioni che di recente hanno colpito la Sardegna e l’Italia meridionale ci mostrano in maniera nitida che l’aumento dell’effetto serra (cioè aumento di CO2) accelera i fenomeni climatici estremi. Per questo motivo, indipendentemente dai vantaggi economici e dalla speculazione (alla quale, in misura giusta, non sono contrario) gli impianti alimentati a fonti rinnovabili sono opere di pubblica utilità, indifferibili ed urgenti (art. 12 D.Lgs. 387/03) al fine di limitare le emissioni di anidride carbonica che stanno modificando il clima.

 

Per ulteriori informazioni: http://www.ingdemurtas.it/

Questo articolo verrà pubblicato lunedì 9 dicembre su Ediltecnico.it

 

 

 

Tags: ,

3 Risposte a “Chi semina vento raccoglie profitti (in Danimarca)”

  1. Piero
    9 dicembre 2013 a 04:35 #

    Giorgio Demurtas, ingegnere che vive e lavora in Danimarca? 🙂

    15 dicembre 2011 I sogni eolici danesi si scontrano con la realtà..Sul bilancio energetico totale (che include riscaldamento e trasporti, oltre all’elettricità) la quota dell’energia eolica è pari a solo il 3% e la dipendenza dalle fonti fossili (di cui, ricordiamo la Danimarca è uno dei principali produttori europei) è pari al 79%, con la quota restante coperta quasi totalmente dalle biomasse.

    http://www.viadalvento.org/analisi-energetica/i-sogni-eolici-danesi-si-scontrano-con-la-realta/

    Nessuno fa’ caso però che in DANIMARCA sono fuori mercato queste “GIRANDOLE“: L’ENERGIA EOLICA DANESE E’ FUORI MERCATO Il problema è dovuto al picco simultaneo della produzione di elettricità.. quando si dice che la Danimarca produce il 20% dell’energia elettrica dall’eolico, si dice solo una parte della verità, la realtà è che l’eolico ha fornito meno del 10% dell’ energia elettrica della Danimarca, in media negli ultimi cinque anni, e appena il 5% negli anni più difficili. ..I “posti di lavoro verdi”, altro argomento molto propagandato dai sostenitori dell’energia eolica e solare.. ogni posto di lavoro nel settore dell’eolico di fatto è stato creato da sovvenzioni pubbliche per una cifra che va da 90,000 a 140,000 di $ USD, circa il 175-250% della retribuzione media per dipendente nel settore manifatturiero danese.

    http://oknotizie.virgilio.it/go.php?us=580108dd9b55820e

    Vestas: green jobs sì, ma dove costano poco Il CEO di Vestas risponde così alle polemiche scatenate dalla decisione di licenziare 3.000 persone in Danimarca: Oggi per Vestas è più economico costruire un aerogeneratore in Spagna e spedirlo in Svezia, piuttosto che costruirlo in Danimarca e spedirlo nel paese vicino.

    http://www.viadalvento.org/occupazione/vestas-green-jobs-si-ma-dove-costano-poco/

    Danimarca, crescono le resistenze all’eolico

    http://www.viadalvento.org/estero/danimarca-crescono-le-resistenze-alleolico/

    Licenziamenti eolici: tagliati 700 posti in Danimarca

    http://www.viadalvento.org/estero/licenziamenti-eolici-tagliati-700-posti-in-danimarca/

    La Danimarca chiede soldi per ricollocare i disoccupati eolici

    http://www.viadalvento.org/estero/la-danimarca-chiede-soldi-per-ricollocare-i-disoccupati-eolici/

    I danesi licenziano i lavoratori dell’eolico per andare in Cina e l’Unione Europea paga i sussidi…

    http://www.viadalvento.org/costi-per-la-collettivita/i-danesi-licenziano-i-lavoratori-delleolico-per-andare-in-cina-e-lunione-europea-paga-i-sussidi/

    Fortunatamente anche da noi a Taranto,leggo:
    una telefonata vi licenzierà La danese Vestas comunica la chiusura dell’impianto di Taranto. A casa in 147.
    http://www.economiaweb.it/taranto-una-telefonata-vi-licenziera/

    Ribadisco FORTUNATAMENTE licenziano, perche’ da 17 anni non vi e’ alcun incremento della temperatura media globale 🙂

    NESSUN RISCALDAMENTO era una bufola, trasformata in truffa?

    17 anni / 204 mesi che il riscaldamento globale se n’è andato sbattendo la porta (nostalgia canaglia)
    http://versounmondonuovo.wordpress.com/2013/11/06/17-anni-204-mesi-che-il-riscaldamento-globale-se-ne-andato-sbattendo-la-porta-nostalgia-canaglia/

    /——–/

    Le falsità sul riscaldamento globale
    Forse non tutti sanno che…
    http://meteolive.leonardo.it/news/In-primo-piano/2/Le-falsita-sul-riscaldamento-globale/43202/
    /——-/
    Il dottor Phil Jones ammette: Nessun riscaldamento Globale dal 1995, mentre stranamente sono spariti i dati della mazza da hockey…

    I dati di vitale importanza per sostenere il ‘grafico della mazza da hockey’ sono andati persi

    Non c’è stato alcun riscaldamento globale a partire dal 1995

    Periodi di riscaldamento globale sono già accaduti in passato – ma non a causa dell’uomo
    http://www.dailymail.co.uk/news/article-1250872/Climategate-U-turn-Astonishment-scientist-centre-global-warming-email-row-admits-data-organised.html?ITO=1490

    QUI in ITALIANO

    http://daltonsminima.wordpress.com/2010/02/24/il-dottor-phil-jones-ammette-nessun-riscaldamento-globale-dal-1995-mentre-stranamente-sono-spariti-i-dati-della-mazza-da-hockey/

    /-/
    Interessante notare come Lo stesso Philip Jones, del climategate primo esponente del
    SURRISCALDAMENTO parlava di RAFFREDDAMENTO del pianeta. 🙂

    http://www.ilgiornale.it/news/buco-dell-ozono-balla-pi-grande-degli-anni-ottanta.html

    http://omnologos.com/ecco-come-ho-scoperto-il-rapporto-della-cia-del-1974-sul-raffreddamento-globale/

    /-/

    Se il clima si raffredda – Prove di catastrofismo climatico negli anni ’70
    http://www.climatemonitor.it/?p=34262

    /-/

    Riscaldamento globale? Senz’altro! I dati mostrano che da 15 anni la temperatura del pianeta non aumenta.

    http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-2093264/Forget-global-warming–Cycle-25-need-worry-NASA-scientists-right-Thames-freezing-again.html

    Cosa ci costa questa eco-BUFALA?

    Parliamo di 15 miliardi di euro all’anno per 20 anni.
    Ma danni ben piu’ gravi per la chiusura o delocalizzazioni di imprese andrebbero conteggiate a parte.

    /-/
    .. Secondo i dati dello stesso Gse, il totale degli incentivi riconosciuti agli impianti di tutta Italia, a settembre 2013, sfiorava quota 15 miliardi..
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/11/13/incassa-milioni-di-incentivi-e-chiude-il-pacco-fotovoltaico-delloligarca-russo/775264/

    AMMETTENDO CHE QUESTO RISCALDAMENTO FOSSE REALE, COMUNQUE L’EOLICO E’ UNA FOLLIA!

    E SIA BEN CHIARO :
    Assorbire energia dal vento genera necessariamente impatti climatici negativi estremizzando le differenze di temperature sulla terra..
    Il Global Warming non avrà impatto sull’Eolico, ma l’Eolico avrà impatto sul Global Warming

    L’eolico LAVORA CONTRO quella che dovrebbe essere l’azione correttiva ad un EVENTUALE riscaldamento globale, sottraendo energia dal vento. La mancanza di circolazione atmosferica (ed oceanica) causa nel nostro satellite, la Luna, che orbita alla stessa nostra distanza media dal Sole, temperature estreme, fino a 123 gradi, che non esistono qui sulla Terra, grazie al vento e grazie alle correnti oceaniche..

    http://www.climatemonitor.it/?p=17399

    Gli effetti delle centrali eoliche sul clima Un articolo della rivista Nature parla dei possibili effetti delle centrali eoliche sul clima, sia a livello locale, sia a livello globale in caso di sviluppo su larga scala dell’energia eolica.

    http://www.viadalvento.org/estero/gli-effetti-delle-centrali-eoliche-sul-clima/

    Concludo con una nota positiva, vedo che resta in Danimarca a lavorare per le tecnologie del futuro..

    Bene, allora forse c’e’ speranza di seguire CANADA, AUSTRALIA e recentemente GIAPPONE nazioni che a queste BUFALE CLIMATICHE non credono piu’, e sono uscite dal protocollo di Kyoto.

    Riguardo gli EVENTI ESTREMI, sarebbe ridicolo se non fosse tragico..

    ..Ogni volta che leggete affermazioni che invocano i cambiamenti climatici causati dall’uomo per giustificare i trend delle perdite generate dagli eventi estremi, tra cui l’attuale popolare ritornello “miliardi di dollari di disastri”, si possono semplicemente chiamare “stronzate” e indicare il rapporto IPCC SREX…

    http://www.climatemonitor.it/?p=24406

    🙂

  2. Renzo Riva
    8 dicembre 2013 a 17:36 #

    L’ing. Giampiero Borrielli non è fuori di melone
    ma lei ing. Murtas da i numeri.
    .
    La Danimarca ricorre all’energia elettronucleare svedese e la paga, giustamente, cara.
    Inoltre, nonostante produca con l’eolico il 19% del suo fabbisogno, produce il 50% col carbone.
    .
    http://www.agoravox.it/I-giganti-eolici-della-Danimarca.html
    .
    http://www.agoravox.it/La-truffa-delle-centrali-a.html#forum66421
    .
    http://renzoslabar.blogspot.it/2011/04/giappone-fukushima.html
    .
    Dal libro

    L’illusione dell’energia dal Sole”
    del prof. Franco Battaglia
    .
    Tabella
    POTENZA SPECIFICA (P)
    E INCIDENZA D’USO (C) (negli USA)
    DELLE TECNOLOGIE SOLARI

    ………………………………P [W/m2]…………C[%] (USA)
    __________________________________________________________________

    Solare termico……………………..80…………< 0,1

    Solare fotovoltaico…………………20…………< 0,1

    Solare termoelettrico……………….10…………< 1

    Eoliche…………………………….2…………..2

    Idroelettrico……………………….1………….53

    Legna da ardere…………………….0,1…………38

    Bio-carburanti…………………..< |0,05|*……….6

    * |0,05| Valore assoluto
    .
    Per curiosità provate a fare due conti
    prendendo tutta la superficie dell’Italia di 301.336 km²
    e guardate il risultato per la legna da ardere e per i bio-carburanti.
    Sorprendente vero come i numeri inchiodino chiunque alla verità dei fatti!
    Non parliamo poi dei costi.
    .
    http://renzoslabar.blogspot.it/2011/07/blog-post.html
    .
    VOGLIO RIBADIRE CHE L’UNICA FORMA DI ENERGIA
    CHE POSSIAMO CATTURARE DAL SOLE È QUELLA DEL SOLARE TERMICO
    PER RISCALDARE L’ACQUA PER I SERVIZI
    E IN PARTE INTEGRARE IL RISCALDAMENTO DEGLI AMBIENTI.
    .
    NULL’ALTRO
    .
    Ovviamente restando ferme che certe tecnologie
    potranno essere utilizzate solo per dei mercati di nicchia:
    – fotovoltaico
    – eolico per pompare l’acqua dal sottosuolo per essere accumulata nei bacini,
    naturali o artificiali che siano;
    con la possibilità di generare elettricità se dal bacino si riesce a ottenere un salto prima di finire negli usi agricoli o altro.
    .
    Così è se vi pare;
    che vi piaccia o no.

Lascia una Commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.